Care ragazze, cari ragazzi,

in questo momento molto particolare per tutti noi, sento il dovere di invitarvi al rispetto delle regole che il Governo ha voluto adottare per contrastare l’emergenza sanitaria, regole che incidono profondamente sui nostri comportamenti e stili di vita.
Siate cittadini adulti e consapevoli così come cerchiamo, nella nostra azione educativa, insieme alle vostre famiglie, di farvi crescere. State a casa con serenità, così facendo mostrerete rispetto verso voi stessi, dei vostri familiari e dei più deboli.
La scuola non spezza il legame con voi. Ci mancate molto. Il silenzio spettrale dei corridoi inanimati, il suono programmato della campanella che scandisce il passare delle ore senza destare il vostro animato e gioioso vociare fa molto male. Voi che avete vissuto sempre in una normale serenità vi trovate a vivere una esperienza che non dimenticherete e che vi deve far molto riflettere.
Non state vivendo una vacanza e, seppure con modalità diverse ma con immutata serenità, vi riportiamo al vostro diritto-dovere all’istruzione.
Già in questi giorni tutti i vostri docenti hanno inserito sul registro elettronico consegne e materiale didattico volte al recupero potenziamento di argomenti già svolti. Questa settimana stanno approfondendo e sperimentando forme di didattica a distanza per continuare lo studio delle singole discipline che da lunedì 16 marzo vi proporranno con piattaforme che permetteranno di ricreare, anche se da remoto, la vostra classe.
Voi avete l’obbligo di non sottrarvi a questo sforzo a cui si stanno sottoponendo i docenti e la scuola tutta.
Le modalità di questa nuova forma di didattica, che serve ad assicurarvi il diritto allo studio, costituzionalmente garantito, saranno utili per dare valore alla validità dell’anno scolastico. Attraverso la partecipazione alle attività didattiche, ancorché nella modalità “a distanza”, renderete possibile la vostra valutazione. Le prossime circolari conterranno le modalità di erogazione delle lezioni che rispecchieranno l’orario settimanale delle lezioni e alle quali non potete sottrarvi.
Tranquilli, non vi chiederemo di stare al computer per sei/sette ore al mattino. Le lezioni saranno brevi e ad orari fissati. A queste deve seguire necessariamente la fase di approfondimento che, di solito, fate a casa nel pomeriggio.
Voi genitori, con la premura e l’affetto di sempre con cui seguite i vostri figli ci aiuterete a far comprendere loro che è necessario che si impegnino ancora di più nello studio perché possano con serenità portare a termine con successo l’anno scolastico.
Collaborate con noi perché questo nuovo modo di fare lezione raggiunga l’obiettivo desiderato, e raccogliete, insieme a noi, il guanto della sfida che questa avversa contingenza ci lancia.
Insieme riusciremo ad essere più forti di tutto.

#restoacasa #iorestoacasa #restiAMOacasa #studioadistanza

Il DIRIGENTE
Salvatore Montesano